mercoledì 19 gennaio 2011

Il Buono, il Brutto e il Cattivo. Per non parlare dell'Ispettore Callaghan.


Tre distributori.
Il Buono, il Brutto e il Cattivo.

Il Buono ha tutto quello che serve ma è sfruttato in un modo utile solo per restare al palo. Mi ricorda tanto i giudizi nelle pagelle alle medie. E' intelligente ma non si applica. Sito b2b pessimo; personale a tratti, certe volte al telefono si ha la sensazione di aver sbagliato numero; dalla loro hanno elasticità, sconti un pò più alti del Cattivo, e un'ottima disponibilità di materiale arretrato vendibile. Che però da un anno non c'è più. Senza comunicazione di alcun tipo ai propri clienti che hanno informazioni strappate, vaghe, dispersive e concretamente inutili.

Il Brutto sta messo come sta messo. Ricorda vagamente una versione trash della Maddalena ai piedi di Cristo, senza alcuna intenzione a lavare un bel cazzo di niente. Non ha esclusive esclusive, si destreggia con ciò che ha, ma si applica. Almeno credo: non ho mai capito che genere di applicazioni sono quelle dei distributori. Comunque fa sconti migliori del Buono che di base li fa migliori del Cattivo. Come agli altri due, al Brutto interessa abbastanza avere molti clienti, ma la voglia si limita a se stessa e non fa nulla per strapparli al Buono e al Cattivo. Che fanno la stessa identica cosa, affidandosi al fato affinchè ciò avvenga. Quel che si dice marketing aggressivo.

Il Cattivo, bè... il Cattivo è cattivo. Ha in mano l'editore migliore, quello che vende di più, ha un sito b2b che funziona, ha personale competente, sconti bassi e con gli arretrati è un mezzo delirio per alcuni editori. In quanto a elasticità, bè, se scrivo quello che penso finisce che mi telefonano, quindi fate voi. Ve l'ho detto, è cattivo.
Ma il Cattivo ha il potere vero perchè senza l'esclusiva migliore che possiede, tutto il mercato delle fumetterie crolla, il che in termini gergali si traduce con può fare il cazzo che gli pare.
E lo fa.
Il Cattivo è il pezzo grosso.

La storia va avanti per anni, senza troppi scossoni, poi di botto accade che entra sul mercato un altro distributore, Messaggerie Libri. Se Alastor, Star Shop e PanDistribuzione sono Il Buono il Brutto e il Cattivo, Messaggerie Libri potrebbe tranquillamente essere Una 44 Magnum per l'ispettore Callaghan. E non è bello avere a che fare con l'ispettore Callaghan. Nel faccia a faccia c'è da callagharsi addosso.

Una cosa hanno in comune Il Buono il Brutto e il Cattivo: non comunicano ai loro clienti MAI nulla che possa essere utile al loro lavoro e quindi ai propri introiti. Mai. Cascasse il mondo tutti giù per terra, ma mai però. Le cose sono costantemente lasciate al destino, la sensazione di finchè la barca va lasciala andare è sempre più costante e cullati nell'incertezza l'imprenditorialità del singolo libraio potrebbe tendere a venire meno, o ad essere deturpata dalla costante disinformazione dalla quale possono derivare vari insuccessi.
L'utile da sapere si scopre a cose fatte o quando ormai è troppo tardi.

Succede quindi che il Cattivo fa una mossa molto importante di cui ancora non si conosce la portata ma che senz'altro agevolerà le vendite di molti librai che trattano il prodotto: gli arretrati di Sergio Bonelli Editore saranno disponibili in fumetteria. Con questa mossa il Cattivo diventa più grande di quanto già lo sia, acquisisce potere e potenzialmente potrebbe portare altri negozianti a lavorare con lui.
Se si considera poi questo mercato come una coperta, bè, tanto più la coperta appartiene al Cattivo tanto meno apparterrà al Buono e al Brutto.
Un bel danno per il Buono e il Brutto! Danno che si limita ad essere tale dato che, dati alla mano, non concretizzano nulla per controbattere questo strapotere. Forse ci provano, forse no, chi lo sa. Comunicazioni zero.
A dirla tutta si direbbe che manco ci provano, almeno questa è la sensazione che il loro silenzio e la loro assenza totale di comunicazione, lascia trasparire. Tutte le mosse che fanno sembrano marce indietro o imbarazzanti tentativi di non lasciar trasparire NULLA delle proprie intenzioni a nessuno. Temo che qualcuno negli uffici del Buono e del Brutto abbia gridato a gran voce "a chi da informazioni muore la mamma!".

Anche a volerli giustificare non ci si riesce. Non gli si può manco dire "ehhh, ma son ragaaaassiiii" perchè son professionisti e sono gli unici che abbiamo.
Non fanno nulla, non ci sono contromosse e si chiudono sempre più a riccio. Il Buono per esempio, senza comunicazione alcuna, ma solo rispondendo a delle email specifiche dei suoi clienti, si è "provvisoriamente" tirato indietro a degli accordi precedentemente fatti su una questione promozionale da lui stesso pubblicizzata e che ha portato i negozianti a lavorare in un determinato modo anzichè in un altro per tutto il 2010. Spendendo fondi in un senso anzichè in un altro. Forse la cosa rientra, forse no. Vorrei tranquillizzarvi ma sapete, zero comunicazione.
Il Brutto non ha listini delle scontistiche che offre. O forse li ha, boh, non si sa. Comunque se ci sono il cliente non può averli altrimenti sa qual'è l'offerta e può lavorare in maniera professionale. Zitti che il nemico ci ascolta. Parlate piano, anzi non parlate affatto che è meglio. I contratti non esistono per nessuno, Buono, Brutto o Cattivo che sia.
E intanto l'ispettore Callaghan è dietro l'angolo.

Nulla di ufficiale per ora quindi i librai che operano nel settore in essere si trovano ancora una volta a dover pianificare le mosse per l'immediato futuro basandosi su voci di corridoio, conoscenze varie quanto più possibile vicino alle alte sfere, e all'esperienza personale. Che riguarda tutto e coinvolge tutta la sfera di esperienze che questi professionisti alla italiani brava gente gli hanno fornito nel corso degli anni. Il che significa: niente di buono.

Callaghan ha i controtesticoli e se si comporta come si comporta nella distribuzione della varia, cosa non ancora ufficiale, fornirà ai librai tutta una serie di servizi che smuoveranno il mercato. E avrà una 44 Magnum bella carica. E non saranno giorni di festa per il Buono, il Brutto e il Cattivo.
E se per le migliorie eventuali ci sono sempre i detrattori, che poi si consolidano nell'essere i piccoli editori, credo possiamo essere tutti daccordo sul fatto che lo scenario distributivo cambierà. Quindi se il libraio pianifica le proprie mosse puntando anche sul "da che parte stare" e presumibilmente starà con chi gli fornisce le condizioni migliori, e probabilmente questi sarà Callaghan, il libraio potrebbe anche aspettarsi delle contromosse da parte del Buono, del Brutto e del Cattivo. Mosse che prevedono anche il suicidio inconsapevole, stando a quel pacchetto di esperienze e professionalità che ci hanno fornito nel corso degli anni.

Riassumendo, quello che segue è il sunto della situazione fumetto-distributiva in Italia:



Il Buono
Quando un uomo con la pistola incontra un uomo col fucile, quello con la pistola è un uomo morto.


Il Brutto
Ehi, Biondo, lo sai di chi sei figlio tu? Sei figlio di una grandissima putt aa-ah-AH!!!



Il Cattivo
Le domande non sono mai indiscrete. Le risposte a volte lo sono.


e infine...
L'Ispettore Callaghan
Questa è una 44 Magnum, una delle pistole più potenti del mondo, capace di far saltare la testa a un toro. Che effetto fa vista dalla vostra parte?
DIFFONDI STORIE DI NESSUNO! CONDIVIDILO!
Condividi su Google Plus Vota su OKNotizie

6 commenti:

emo ha detto...

Mi sono scasciato :)

grzz ha detto...

molto stiloso as usual!
ma sul futuro operato di callaghan parli per notizie certe o è una cosa tipo "berlusconi sta per cadere" e poi solo polvere e desolazioni?
nel senso , sono fatti o speranze?

HulkSpakk ha detto...

ehi grezzo, l'entrata di Callaghan è certa. Peccato che a quanto pare spari a salve.

sempre grzz ha detto...

che sia certa lo sapevo, intendevo capire se davvero questo callaghan sparerà grossi proiettiloni oppure farà il duro solo per finta (un classico di molti che vivono nell'ospedale fumetto).
ma la tua risposta ha già ridimensionato qualsiasi minima,potenziale, erezione .

HulkSpakk ha detto...

Appena la cosa diventa ufficiale, faccio un altro pezzo.

Anonimo ha detto...

E se nel breve Callaghan armasse la sua 44 Magnun di proiettili perforanti? Penso che parta da poco ... ma possa aspirare a soffiare i proiettili dai caricatori del Buono del Brutto e del cattivo :)
Chissà ... penso però che le fumetterie potrebbero goderne ...