lunedì 18 giugno 2007

Sono meglio gli 8 bit


Ancora una volta mi hanno chiesto cosa ne penso dei manga di oggi.

Se sono scesi di qualità o se sono belli come un tempo.
Che sono più belli "quelli di una volta", quelli di quando Dragon Ball era una novità, quelli di quando Ikkoku era una specie di sogno erotico.

Me lo ha chiesto un ragazzo che ha smesso di leggere fumetti "senza nemmeno accorgersene", ha detto.
Prima Dylan Dog gli piaceva di più.
Prima Berserk era il top.
E quanti ne ho sentiti che "i primi numeri di RatMan erano migliori".
E "come Tex non c'è nessuno".

D'altra parte io preferisco gli 8 bit alla xbox.

I lettori migliorano i propri gusti, si evolvono, crescono, cambiano abitudini, conoscenze, culture e spesso non tutto sta dietro a quelle evoluzioni. Il loro corpo spesso non ci sta dietro. La mano che tira fuori i soldi per provare nuove letture, si rifiuta, ribellandosi alla crescita.

Spesso si smette di guardare la tv, o si cancellano i film trash dalla propria scaletta o si smette di andare al Gods Of Metal prima dei 30.
Ancora più spesso si abbandona la lettura dei fumetti.
Perchè c'è scarsa comunicazione nel mondo dei fumetti e si tende sempre a generalizzare.
Non è vero che i fumetti non ti piacciono più, semplicemente per un motivo o per l'altro non sei riuscito a stare dietro al tuo gusto mentre si evolveva.

"Lettori di generi" e non di fumetti si arenano con molta più facilità rispetto ai lettori "puri". I lettori di manga medi, per esempio, leggono spesso fumetti da cui sono stati tratti anime o oav, poi seguono quel filone dapprima con la convinzione di non sbagliare acquisto, successivamente solo perchè immobilizzati nell'abitudine di quel genere di lettura.

Questo genere, come tutte le abitudini, tenderà a stancare chiedendo alla persona "altro". Quando questo "altro" non arriva perchè la persona non sta dietro a questa evoluzione, il gioco si rompe e il lettore smette di leggere. Ma questo smettere è una cessione dipesa dall'incapacità di seguire il proprio maturare, la propria necessità di leggere altro, roba nuova, roba fuori dai soliti canoni, da quei clichè che li hanno avvicinati al fumetto, da quell'anime che è stata solo la naturale scintilla, l'avvicinamento al mondo del fumetto.
Come una crisalide che si trasforma in farfalla, il lettore di generi ha la necessità di altre letture più soddisfacenti.
Spesso però all'interno di quella crisalide ci resta e muore.

Quando avrete deciso che siete stanchi di leggere fumetti e vi rendete conto che leggete solo Bleach, Naruto e FullMetal Alchemist o Dylan Dog, Tex e Mister No, sappiate che siete dei lettori di generi che probabilmente si stanno trasformando in lettori di fumetti.
Prima di smettere di leggere fumetti, abbiate la forza di provare uno di questi 3 titoli:

Maus
Il Ritorno del Cavaliere Oscuro
V For Vendetta

Se anche questi non vi garbano, andate in pace.
D'altra parte, io checchè se ne dica, preferisco gli 8 bit.
DIFFONDI STORIE DI NESSUNO! CONDIVIDILO!
Condividi su Google Plus Vota su OKNotizie

7 commenti:

dark0 ha detto...

HEY! io ho un sacco di giochi 8bit, poi te li porto venerdi se posso,.
cerca su internet winkawaks è capirai che intendo.
ciao fava :-D

ilalà ha detto...

bellissimo il "come Tex non c'è nessuno"!..

Marte ha detto...

io gioco con le barbie

HulkSpakk ha detto...

Io invece, Marte, sono un amante di Tosca La Mosca. :D

dani ha detto...

è vero...sono daccordo..

Roby ha detto...

Non so se questo apprezzamento ti faccia piacere (o generi piu' che altro un conato...) ma penso che la tua riflessione "sui lettori di genere" sia piu' seria di quanto non sembri.
Quanto meno è convincente, visto che ho appena acquistato "V per Vendetta", allo scopo di assecondare, almeno mi pare, lo "slancio verso l'evoluzione del gusto"......

Anonimo ha detto...

Me Piace sto Post....
con qualche anno di ritardo , lo so :)
Noerz