sabato 6 ottobre 2007

24 Hour Comics a Lecce






Fabrizio è un mio amico e ha una scuola di fumetto. Si chiama Lupiae Comix e quando ancora non aveva un nome e non era nemmeno una scuola l'ho frequentata anche io.
Non aveva una sede fisica e ci appoggiavamo alla sede provinciale dei DS, in via milizia, al n° 58.
Chi l'avrebbe mai detto che 3 anni dopo avrei aperto la fumetteria proprio alla saracinesca accanto a quella sede?
A distanza di anni questa cosa ancora mi affascina...

Con Lupiae Comix abbiamo sempre avuto una stretta collaborazione e questa volta il Team Lupiae sta partecipando al 24 Hour Comics iniziativa promulgata da Lo Spazio Bianco e colta al volo da Fabrizio e Co.
Tra i "Co." ci sta anche Mondi Sommersi^^

Ecco il comunicato stampa, con la preghiera di farlo girare ;)


24 Hour Comics

Lupiae Comix, scuola leccese di fumetto, lancia una grande sfida seguendo un’incredibile e importante impresa a livello mondiale: il 24 Hours Comics.
Il 24 Hour Comics è un evento che si tiene in contemporanea in tutto il mondo, dove gruppi di disegnatori di fumetto si radunano per raccogliere, appunto, una sfida: realizzare una graphic novel di 24 tavole in 24 ore, in media una tavola l’ora.

L’idea è di Scott McCloud (noto fumettista e saggista), che per gioco e per mettere alla prova la sua presunta lentezza nel disegno, decise di fare una verifica, coinvolgendo nell’impresa il suo collega Steve Bassette (autodefinitosi il più lento realizzatore di comics).
In breve l’iniziativa venne abbracciata da numerosi autori di fumetto, fino a diventare una grande manifestazione a carattere mondiale.

Nel 2005 il 24 Hour Comics arriva anche in Italia e trova terreno fertile, infatti l’iniziativa è accolta da autori e scuole di fumetto, riuscendo a entusiasmare gruppi di professionisti e dilettanti.Realizzare una storia a fumetti è un’operazione complessa: prima di mettere mano alle tavole, gli autori, trascorrono giorni dedicati a studi e documentazione. Quando poi è il momento di mettersi a disegnare bisogna fare i conti con le difficoltà oggettive che ogni vignetta pone: inquadratura, prospettiva, ombre, manichini... insomma in media un fumettista veloce realizza un tavola completa al giorno.

Come è possibile allora realizzare un’intera storia di 24 tavole in sole 24 ore? Improvvisazione!
Non c’è tempo per farsi prendere dai dubbi e affondare nella difficoltà di un’inquadratura sofisticata, non ci si può permettere il lusso di un eccesso di tecnica artistica, se si vuole raggiungere l’obiettivo è necessario andare all’essenza. Il fumetto è arte sequenziale non illustrazione, il fine è raccontare e il disegno è solo il mezzo.
Scott McCloud spiega tutto questo nel suo splendido saggio “Undestanding comics” e nel suo genio ha trovato un modo per far capire la sua teoria attraverso la sperimentazione. Non c’è dubbio che, se privati di ogni filtro d’eccesso estetico dalle lancette dell’orologio, si può fare un’esperienza importante e scoprire anche risorse in se stessi mai sospettate.

Da quest’anno quindi, il 24 Hour Comix arriva fino a Lecce grazie a Lupiae Comix, in collaborazione con Mondi Sommersi che si è già attivata per rendere questo evento accessibile a tutti gli appassionati, disegnatori o semplici spettatori. La manifestazione si terrà il 20 e il 21 ottobre a Lecce. Sono già numerose le adesione di dilettanti e professionisti, ma le iscrizioni sono ancora aperte: per maggiori informazioni telefonare allo 0832-228603 oppure 328-7047365, o ancora visitare il sito www.lupiaecomix.com o mandare una mail a: info@lupiaecomix.com .
DIFFONDI STORIE DI NESSUNO! CONDIVIDILO!
Condividi su Google Plus Vota su OKNotizie

3 commenti:

Ilaria ha detto...

Grazie per il comunicato Max!
Bello il logo del tuo Blog, ma sei proprio tu!!!! Chi lo ha realizzato?
Bello anche l' "effetto Gesù Cristo" sullo sfondo ;-))))
Sembra proprio la copertina di un fumetto!☺

Anonimo ha detto...

Presentato a Roma l’ultimo lavoro del regista Campanella

Il ritorno di Jack Lametta
Il cortometraggio, dal titolo “Taglia corto!”, è liberamente ispirato alla vicenda del famigerato maniaco, che per molto tempo ha terrorizzato la capitale. Nel cast Elisabetta Rocchetti ed Emy Bergamo


di Dario Domenici
Roma. Attimi di panico, l’altra sera alla Casa del Cinema, nel verde di Villa Borghese. Un tipo losco, coperto soltanto da un impermeabile, ha spaventato tutte le donne che entravano nel nuovo tempio capitolino della celluloide: le rincorreva, le apostrofava con frasi hard e si apriva il trench… mentre loro scappavano a gambe levate urlando. L’arcano si è svelato poco dopo: il misterioso guardone non era un maniaco, ma Giampiero Corica, 36 anni, uno degli attori di “Taglia corto!”, il cortometraggio noir di 18 minuti diretto da Pierfrancesco Campanella (noto al pubblico per i thriller “Bugie rosse” e “Cattive inclinazioni”), che veniva presentato nella sala Kodak. E’ stata questa una delle sorprese-pulp della serata, che ha divertito persino il “superpoliziotto” Antonio Del Greco, direttore della Divisione Anticrimine della Questura di Roma, arrivato con la moglie Elora a salutare il regista Campanella di cui è grande amico. Non solo: suo figlio Emanuele Del Greco sta per debuttare nella regia. A produrre la sua opera prima, un thriller intitolato “La bestia dentro”, sarà proprio Pierfrancesco Campanella. Che, nel corso della serata, ha anche annunciato il suo prossimo lavoro: Campanella dirigerà “Eccessi d’amore”, film ispirato alle torbide vicende dei marchesi Casati Stampa. “Taglia corto!”, che ha stupito a affascinato tutti i presenti, è ispirato alla figura di Jack Lametta, il maniaco “sfregiatore” che nei primi anni Ottanta si divertiva a sfregiare le passanti in volto, a Roma, in pieno giorno tra la folla, servendosi di un taglierino. Il personaggio, che non è mai stato arrestato, e che teoricamente è ancora tra noi, va ad arricchire la folta schiera dei casi irrisolti nel nostro paese, di cui tanti nella capitale (via Poma, Olgiata, ecc.). Quella storia, all’epoca data in pasto a una collettività assetata di notizie scioccanti, attraverso un continuo bombardamento dei mezzi d’informazione, fu in un certo senso antesignana della attuale degenerazione dei casi di cronaca nera che tengono banco nei Tg e nei talk-show, in una continua sovrapposizione fiction-realtà (vedi delitto di Cogne).
Protagonista del corto, nel ruolo di una studentessa perseguitata da Jack Lametta, è Elisabetta Rocchetti, rivelatasi ne “L’imbalsamatore” e “Il ritorno del Monnezza”, che presto vedremo tra gli interpreti principali del tv-movie “Ti piace Hitchcock?” di Dario Argento. La Rocchetti , fotografatissima insieme ai colleghi del corto Cosimo Fusco e Manuel Oliverio, ha annunciato di stare per debuttare anche lei dietro la macchina da presa con il film “Tutti gli amanti di Sasha”. “Cerca un ragazzo bellissimo di 18 anni che deve impersonare il protagonista Sasha, un giovane che si innamora di donne più grandi. Contattatemi sul mio sito”, ha detto Elisabetta. Emozionata, perché al suo debutto sul grande schermo con “Taglia corto!”, la bionda Emy Bergamo, la soubrette del Bagaglino che ha affiancato Aida Yespica il sabato sera nello show di Pingitore su Canale 5 “E io pago!”. Emy si è presentata con i giovanissimi genitori, Renato e Susy, e ha presentato il suo fidanzato: l’attore Elio Crifò, conosciuto al Salone Margherita dove entrambi lavoravano nello spettacolo “Roma”. Tra gli amici accorsi a brindare con Campanella, anche la produttrice Gioia Scola, che sta per iniziare la fiction “ La Capitanessa ” con Sabrina Ferilli nei panni di una brigante del 1700; il direttore di Italymedia.it Antonello De Pierro, nonché voce storica di Radio Roma e leader del movimento “L’Italia dei diritti”, che, entusiasta ha rilasciato a caldo delle spontanee e positive dichiarazioni sulla pellicola: ”Non è un cortometraggio, ma un film breve; incoraggerò il mio amico Campanella a lavorare per la realizzazione di un lungometraggio sull’argomento, perché l’idea è geniale e ha partorito una trama che risulta assolutamente limitata e compressa nei tempi fisiologicamente stretti di un corto e offre manifestamente ampi margini per uno sviluppo molto più articolato: non sarebbe giusto privare lo spettatore del godimento visivo ed emotivo che ne risulterebbe, limitandolo alle pur grandi emozioni d’autore di cui si è nutrito in questo frangente; a mio avviso è il più interessante prodotto generato dalla macchina da presa del regista, come del resto encomiabili sono risultate le interpretazioni dell’esperta Elisabetta Rocchetti e della bellissima debuttante Emy Bergamo”; la bellissima Mirka Viola, i mitici Manetti Bros., Vincenzo Bocciarelli, Nicola Canonico, Enio Drovandi, Franco Mariotti di Cinecittà Holding, il produttore Umberto Innocenzi e Massimo Esposti della Bell Film che ha prodotto “Taglia corto!” col sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Dipartimento dello Spettacolo, e presentato in anteprima al “Busto Arsizio Film Festival”.

Kranz_Prugnator ha detto...

Cazzo centra sta cosa del film e di sti coglioni che si spogliano usu maniaco con il 24H Comics ??
8 dopo che le ggo il blog del Massimininininno di Ninno mi sento polemico, ora vado di là e picchio mia madre. Con la gamba della sua poltrona preferita -che però è tipo 20 cm di lunghezza e quindi devo essere pure creativo...- e vediamo se mi passa)