sabato 14 maggio 2011

Segnalazione problemi fumetterie.



Dalla pagina Facebook di GPpublishing.

Segnalate pure qui i problemi che avete presso la vostra fumetteria, periodicamente verranno girate a chi di competenza...
Basta dire nome e città della fumetteria, e problema relativo...
Non vi preoccupate, non mandate alla forca nessuno....
Vi terremo aggiornati...


Ricapitolando:
GP
(l'editore)
chiede a estranei
(i lettori)
quali siano i problemi di altri
(i librai)
riguardo problemi che competono terzi
(i distributori).

Ahhhhhhhhhhh, GIPPI', l'impetuosa macchina dell'innovazione...

Curioso poi che la vostra fumetteria non è dei librai proprietari, ma dei clienti.
Clienti poi che non sono dei negozianti, ma dell'editore.

Ma proviamo a vederla in altri contesti.
Mario si droga. Ha questo problema Mario. E' un problema serio ragazzi, c'è poco da scherzare. Forse è il caso che Mario ne parli con qualcuno di competente. Tipo un dottore, o magari deve andare in comunità. O sarebbe il caso che sua mamma gli ponga delle domande precise a cui lui risponda in maniera inequivocabile e tenda anch'egli la mano verso l'idilliaco aiuto.
Ma questo non avviene perchè Mario non ha la mamma e alla comunità, di Mario, sbatte una sega.
Pertanto ecco apparire la gattara zitellona di quartiere, che di nome fa Maria. Maria chiama Paolo, Carlo, Fausto e Orso, gli amici di Mario, e gli chiede di raccontargli quali sono i problemi di Mario che glieli risolve lei i problemi a Mario.
Gli amici di Mario, quei bravi ragazzi di Paolo, Carlo, Fausto e Orso, potrebbero farsi i cazzi loro e mandare a fare in culo per direttissima la vecchia zitellona e invece no, quegli merda dicono a Maria la gattara che il problema di Mario è che fuma. Non che si droga, ma che fuma. Perchè loro non lo sanno che Mario si droga, dato che non sono cazzi loro e che quindi Mario non glielo ha mai detto. Che fuma.
E che spaccia nel campetto sotto casa.
E che la ragazza lo ha lasciato.
E che è frocio, Mario.
E che una volta ha dato dello sciocchino a Fausto e Fausto se l'è presa.
E che gli puzza il culo.
E che porta sfiga.
E che una volta suo cugino suo cugino.

Lo farò sapere a chi di competenza, dice Maria ai giovani baldi dalla lingua lunga.

Il quadro che ne viene fuori è il seguente:
- La vecchia gattara sa un sacco di cazzi di Mario.
- Probabilmente molti di questi cazzi sono falsi, mal interpretati e peggio esposti.
- La vecchia troia è andata a raccontare a qualcun altro questi cazzi.
- A Mario non viene risolto alcun cazzo di problema, nemmeno quello che ha davvero, ovvero che si droga.

In compenso:
- A Mario viene vietato l'uso del campetto.

- Mario continua a drogarsi.

Epilogo:
Mario viene perquisito dalla polizia dopo che questa ha saputo dalla vecchia stronza Maria che Mario spaccia nel campetto sotto casa (a dirglielo è stato Fausto), che contenta di aver risolto un problema a Mario, festeggia, e ve lo dico ora così ci togliamo il pensiero, andrà all'inferno per questo. Mario finisce in galera e viene inculato a turno dai poliziotti come i bambini di Sleepers, solo che loro sono tre lui invece è uno solo quindi gli brucia ancora più forte. Poi Mario esce di galera, dopo aver scontato anni e anni di penitenze per una cosa che non mai ha fatto, va in un fast food che puzza di feci, e infatti incontra Maria ormai vecchiardissima che mangia un panino, e finalmente Mario spara nello stomaco a Maria con una calibro 9, gli tira fuori le budella con la mano libera, ci caga dentro ettolitri di merda che ormai con quel culo dilaniato praticamente non piove ma grandina, gliele infila nel panino e glielo fa mangiare. Allora e solo allora, Mario, cagando nel piatto di Maria le confida il suo vero problema: sono gay.
Poi Mario esce e va alla ricerca dei suoi vecchi amici.
DIFFONDI STORIE DI NESSUNO! CONDIVIDILO!
Condividi su Google Plus Vota su OKNotizie

13 commenti:

Valentina! ha detto...

Letto così è tutto un tantino crudo, però è anche una visione molto lucida.Purtroppo.

Marte ha detto...

Mi è dispiaciuto per la morte di Maria. Per il resto il concetto è chiarissimo!

Taro ha detto...

Cioè, prima rompi gli zebedei agli editori chiedendogli di sedersi a un tavolo manco fossi chissà chi (al limite ragione vorrebbe dovresti farlo con i distributori), ma poi quando un editore tenta semplicemente di informarsi con il pubblico di eventuali problemi di distribuzione tu ci vedi atti di spionaggio e lo mandi a cagare. LOL coerentissimo!

HulkSpakk ha detto...

@taro: taro, io non so quale sia il tuo problema ma appena i miei cuggini me lo diranno te lo farò risolve io da chi di competenza.

Taro ha detto...

Io vorrei sapere qual è il problema tuo e della tua buffa associazione (come se già non ci fossero dozzine di sindacati inutili...). Ma lavorare no?

HulkSpakk ha detto...

@taro: devi chiederlo all'associzione, questo è un blog personale, mio nel particolare, non dell'afui. Puoi mandare una mail a info@afui.it
Cmq sul dizionario puoi trovare la differenza tra "sindacato" e "associazione" che sono due cose diverse.
Nel frattempo puoi andare a fare in culo tu e il coglione che sei.

Anonimo ha detto...

Da Taro del Pluschan:

non ritengo ovviamente di avere l'esclusiva su nessun nick, tuttavia visto che il tizio che qui sta usando il nick "Taro" mette anche precisi link per lasciar intendere di essere il "Taro del Pluschan" (che invece sarei io), ci tengo a precisare di non averci nulla a che fare.

HulkSpakk ha detto...

tutto questo è molto imbarazzante. Davvero, non è da me dare questo genere di consigli, ma là fuori è pieno di figa e droga. Sceglietene una, e abusatene.

Anonimo ha detto...

Data la risposta, vedrò di essere più chiaro.
E' da un po' di tempo che un qualche tizio (che evidentemente deve avercela col forum del pluschan) se ne và per forum dedicati a fumetti e cartoni animati creandosi account identici per nick, avatar e firma a quelli di alcuni utenti del pluschan. Ìo sono il quarto o quinto caso (nel particolare, non usando immagini o firme, ha pensato bene di linkare direttamente il forum).
Spacciandosi quindi per utente del pluschan, utilizzando vecchie discussioni e polemiche come argomentazioni, sto demente crea flame e si mette a insultare i propri interlocutori con l'ovvio proposito di screditare l'utente per cui si spaccia e il forum del pchan.

Se devo essere mandato affanculo, preferirei che lo si faccia per ciò che scrivo io, piuttosto che per quello che va scrivendo un emerito sconosciuto che tenta di spacciarsi per me.

Spero di essere riuscito a spiegare meglio la situazione e a chiarire il malinteso.

Anonimo ha detto...

Data la risposta, cercherò di essere più preciso per chiarire l'eventuale malinteso.

Da un pò di tempo un tizio (non sappiamo chi sia ma deve avercela col forum del Pluschan) ha iniziato a crearsi account su vari forum di fumetti e cartoni animati usando di volta in volta nick,avatar e firma di alcuni utenti del Pluschan (io dovrei essere il quarto o quinto caso, con la differenza che non ha usato avatar e firma da me usati, ma ha direttamente linkato il forum), successivamente sfruttando vecchie discussioni e polemiche inizia a creare flame ed insultare i propri interlocutori, col chiaro obiettivo di screditare l'utente per cui si spaccia e il forum del Pchan.

Non ho problemi ad essere giudicato ed eventualmente mandato affanculo per ciò che scrivo, mentre va meno bene se un tizio insulta terzi e cerca di far ricadere su di me la responsabilità di suddetti insulti.

Spero che questo mio post abbia chiarito meglio la situazione.

HulkSpakk ha detto...

Si ok ho capito, avevo capito anche prima. Ho commentato quel vedo: un pazzo che ce l'ha con me, con afui e plushchan, e un altro bravo ragazzo che ce l'ha (dato il link di pluschan) con i librai e con l'afui, manco gli avesse nascosto il 32 di naruto. Io non so cosa passate complessivamente, ma tutto questo è imbarazzante. Non apprezzate le discussioni, seguite i blog per poterne palar male, o chissà che, siete solo dita dietro a un nickname. E sta anche chi vi emula in peggio. Ma piuttosto che guardare cosa vende chi, chi supporta il vostro editore del cuore o quello avversario, chi apprezza l'uomo ragno, one piece o il vostro eroe, potete spendere meglio il vostro tempo. Quel topic poi, è pieno zeppo di imprecisioni e affermazioni che vi fanno ridere dietro. Un calvario della polemica sterile come avrebbero dovuto essere i genitori del fintoTaro.

Anonimo ha detto...

Ultimo post (altri eventuali saranno ascrivibili soltanto al fake).

Il pazzo non ce l'ha con te o l'afui, ha solo riutilizzato/rimaneggiato argomenti di quel tread e ha sfruttato questo spazio sul blog per il suo teatrino. Ha fatto lo stesso giochetto con altri uenti sul forum di De Palma (il doppiatore) o su quello degli Starsubber. Non ci fosse stato quel tread sull'Afui, non saprebbe dell'esistenza di questo blog, ti ha solo sfruttato.

Per quanto riguarda me (non parlo per gli altri che sono intervenuti in quella discussione linkata), direi che non ce l'ho ne con i librai ne con l'afui. Semplicemente seguo certi interventi che vengono resi disponibili alla lettura di tutti e traggo giudizi (che a loro volta saranno oggetto di altrui giudizi), nel caso in questione non ho fatto altro che ironizzare giudicando secondo miei parametri (che non sono ovviamente universali o necessariamente condivisibili). Tra l'ironia, la presa per il culo, le battute che dir si voglia, e l'avere acredine contro qualcuno o qualcosa, c'è un oceano, e si può avere anche interesse a leggere e commentare argomentazioni che si trovano errate o ridicole. Poi se credi che una persona (o un forum) si possa ridurre soltanto a qualche post di presa in giro (fatta a torto o a ragione, ci mancherebbe), pazienza, anche se ho il sospetto che tale lapidario giudizio derivi unicamente da chi è, in questo caso specifico, l'oggetto di scherno.
Per il resto, buon lavoro (sinceramente e senza sarcasmo) e se torna il fake salutalo (o insultalo, se vuoi) da parte mia.

Antani Comics ha detto...

ieri sera parlavo con un amico che ha un pub. Insieme ad altri gestori/proprietari di locali, sono stati in inghilterra a provare la birra. Sono stati ospitati dal produttore, che gliele ha fatte assaggiare, provare, che ha chiesto consigli. Quando gli ho accennato che, nel mondo del fumetto non esiste neanche il promotore, che una cosa del genere è impensabile, mi ha guardato come se fossi un alieno.
in italia, devo parlare dei miei problemi lavorativi sui blog, insieme ai fan del forum di Pluschan, che non so neanche cosa sia.
Devo vedere i miei clienti che parlano dei miei presunti problemi col fornitore del mio fornitore.

più vado avanti, più imparo...